lunedì 26 gennaio 2009

Anelli artigianali ai pomodorini secchi, acciughe e porcini


Anche se è un'invenzione della sottoscritta, frutto di una serata gastronomica particolarmente ispirata, non so perchè ma questa ricetta mi sa di Italia di ieri, di borghi e di stradine..di nonne alla finestra che ti chiamano perchè è pronto da mangiare...
Ricordi e suggestioni a parte, rimane comunque una certezza: questa pasta, credetemi, è davvero da provare!!!

Ingredienti (x 1 persona):

- 70/80 g di pasta tipo "anelli" lisci ..sono una specie di maccheroni ma molto più corti e larghi, anche noti come "calamarata"; si trovano solo artigianali (sono comunque secchi e confezionati, non nel banco frigo!). Ottimi quelli di marca "Baronia" dell'Esselunga:http://www.pastabaronia.it/ita/html/02.05.01.html. Se non li trovate, usate comunque una pasta di formato grande e MOLTO spessa-corposa.

- 2 filetti d'acciuga sott'olio in barattolino

- 2 spicchi d'aglio schiacciati

- porcini secchi sbriciolati q.b.

- 6-8 pomodorini secchi sott'olio, tagliati a striscioline con la forbice

- olio d'oliva extravergine q.b.

- se piace, pecorino di grotta grattugiato a scaglie.

NB: non aggiungere sale, o comunque stare attenti in quanto le acciughe sono già salate!!!


Esecuzione:

E' semplicissima!!

In una padella o pentola capiente, fare soffriggere nell'olio prima l'aglio, poi, quando inizia a prendere colore, aggiungere tutti gli altri ingredienti. Le acciughe devono arrivare a sciogliersi e i porcini devono assorbire i liquidi. Se occorre, aggiungere un po' d'acqua.
Far cuocere per circa 10 minuti o finchè il sugo è ben amalgamato.

Bollire la pasta e, quando è pronta, mettere un po' dell'acqua di cottura nel sugo, poi trasferire la pasta nel sugo e far saltare il tutto per qualche minuto, finchè il condimento si è ben rappreso.
Impiattare e, se piace, aggiungere il pecorino grattugiato a scaglie.

1 commento:

  1. Ciao piccola cuoca,scusa se non ti ho risposto alla tua domanda dell' altro giorno(come ho fatto a trovarti), siccome seguo molto il blog "il cavoletto di bruxelles,ai commenti che gli facevano, ho notato il tuo,ho cliccato e ...ti ho scoperta.
    La ricetta sicuramente la provero',perche' quei profumi e le cose cosi' semplici,mi mancano tanto.

    RispondiElimina