mercoledì 29 aprile 2009

Tagliatelline caserecce con tartufo nero e scorza di limone


...Ed eccone un’altra, di ricetta..!!
Sì, in effetti in questi giorni mi sento esplosiva, sto tempestando il mio povero blogghino di nuovi post...mah, sarà la primavera! ^_^
Comunque si tratta di una cosina veloce veloce, come del resto molte mie altre “creature”...che ha la caratteristica a me tanto cara di riuscire a racchiudere un tripudio di sapori e profumi in una preparazione davvero molto semplice.
L’idea, devo ammetterlo, questa volta non è originale mia, ma è stata proposta da uno chef davvero molto creativo (tant’è che, se non sbaglio, il suo locale vanta anche una segnalazione Michelin..non la stella, in quanto è una trattoria.) Bene, il colpo di genio consiste nell’abbinare la scorza di limone al tartufo. COSAAAAA? Sì, esatto. Sembra una roba un po’ scioccante, così su due piedi, e invece...
Per ragioni chimiche a me sconosciute, il succitato limone ha l’inaspettato potere di potenziare in modo esponenziale il sapore-profumo del tartufo, fondendosi perfettamente con esso e mimetizzandosi al punto che, mangiando, non vi rendete più conto che c’è, ma avvertite solo un tartufo bionico super-potente.
Morale: assolutissimamente da provare.

Ingredienti (per 1 persona):

50 g di tagliatelline caserecce "strette" (vedi foto)
1 grosso scalogno
1 limone non trattato
1 piccolo tartufo nero, tritato al coltello
Olio e.v.o.
Sale

Esecuzione:

Very simple. Soffrittino con lo scalogno. Spegnere. Aggiungere il tartufo tritato al coltello e la scorza del limone e lasciare in infusione nell’olio a fuoco spento. Cuocere le tagliatelline in acqua bollente salata e, una volta cotte, saltarle insieme al sugo aggiungendo un po’ d’acqua di cottura.

NB: come in tutti i sughi “in bianco”, cioè senza pomodoro, essendoci scarsità di “intingolo” , è meglio buttare relativamente poca pasta, perché altrimenti essa rischia poi di risultare poco condita. Così facendo, al momento della fase di “salto” in padella, la pasta potrà stare maggiormente a contatto col fondo della padella stessa, assorbendo quanto più sapore possibile. ^_^ Questo è il motivo per cui quando si cucina per troppe persone, spesso le cose vengono peggio...non tutte ovviamente, ma certi tipi di pasta assolutamente sì. +_+

10 commenti:

  1. Ma che belli!!!!
    L'abbinamento tartufo limone è assolutamente da provare
    bella idea per un pranzetto semplice ma saporito
    copio la ricettina
    eli

    RispondiElimina
  2. che meraviglia, tartufo e limone!! non oso immaginare!! da provare assolutamente!

    RispondiElimina
  3. Ok..allora basta che ci procuriamo il tartufo no??
    l'abbinamento con il limone ci sembr amolto originale!
    bacioni

    RispondiElimina
  4. Mi sono distratta un attimo ed hai combinato di tutto!...
    Splendida la raccolta sulle spezie (può partecipare anche chi non ha un blog?), sfiziosissimo il maiale ed interessante questo abbinamento per la pasta...

    p.s. Per tutti i condimenti in bianco tengo sempre un po' di acqua di cottura per evitare che si asciughino troppo...

    RispondiElimina
  5. x Virò: sissì, può partecipare anche chi non ha un blog! ^_^
    Per quanto riguarda l'acqua di cottura, è giustissimo aggiungerne un po'! Però secondo me non basta da sola a "sostituire" la relativa carenza di sugo..continuo a sostenere le porzioni piccole^_^

    RispondiElimina
  6. mamma mia che invitanti che sono ;)

    RispondiElimina
  7. compliemmnti una ricetta molto ma molto semplice ma raffinata

    RispondiElimina
  8. Ciao Cara! Piacere di fare la tua conoscenza! Ho visto su blog di cucina la tua raccolta e sono passata a sbirciare! :)
    Buonissimo questo primo piatto! Mi piace molto!
    AH! Anche io amo Miyazaki!!! :))

    RispondiElimina
  9. Hai ragione, da provare!
    Ho un premio per te!

    RispondiElimina
  10. Vado pazza per il tartufo...voglio assaggiarliii!!!

    RispondiElimina