domenica 19 giugno 2011

Torta super-succosa al limone, mandorle e...polenta(!)



...Avevo voglia di torta.
Anche se oggi ero sola soletta, anche se non c'erano pranzi nè cene di gala in programma, solo una uggiosa domenica di inizio-estate...che poi tanto uggiosa non è stata, visto che ho riordinato la casa da cima a fondo, con tanto di fusione in diretta dell'aspirapolvere (sissì, è diventata bollente e poi si è spenta da sola. Non so se si trattasse solo di un malore o se abbia tirato definitivamente le cuoia...l'ho riposta nel suo cubicolo e non ho più controllato il suo stato di salute. Domani tenterò di rianimarla e vi saprò dire.
(E io, comunque, avevo voglia di torta.)
Ma non delle nostre torte italiane (...che in realtà noi italiani, diciamocelo, siamo famosi per altre cose, in cucina...!) Quella che sognavo era uno di quegli squisiti oggetti anglosassoni tutti succosi con eventuali semi di papavero annessi (in pratica avevo in mente una torta agli agrumi, per chi avesse un po' di esperienza con i dolci inglesi :-).
Considerando il fatto, poi, che nel mio frigo albergavano alcuni succulenti limoni provenienti da uno sperduto paesino dell'entroterra Corso (, perchè la gente in Corsica come souvenir si compra ceramiche e parei, io invece formaggette di capra, vino e 2 chili di limoni, ma lasciamo stare), dicevo, avendo a disposizione cotanta grazia agrumata, non potevo esimermi dal produrre questa goduriosissima torta!!
La ricetta è una mia rivisitazione (etteppareva se non ti stravolgevo il tutto...!) di una proposta di Nigella, fonte inesauribile d'ispirazione :-)

Ingredienti (per una torta di 23 cm di diametro)

per la torta:
200 g farina di mandorle
100 g burro
100 g ricotta
200 g zucchero semolato
100 g farina per polenta rapida precotta
1 cucchiaino e mezzo di lievito per dolci
3 uova
la scorza grattugiata di 2 limoni grandi

per lo sciroppo:
il succo dei 2 limoni di cui sopra
75 g di zucchero a velo (circa; potete metterne di più o di meno...dipende dalle dimensioni dei limoni: assaggiate man mano lo sciroppo!)

Esecuzione:

Lavorate il burro (a pezzetti) e la ricotta con lo zucchero fino a ottenere una crema; in un'altra ciotola mescolate farina di mandorle, polenta e lievito; unite questi ultimi al composto di burro e ricotta a poco a poco, alternando con le uova. Lavorate col mixer elettrico finchè l'impasto diventa omogeneo e di colore più chiaro. A questo punto aggiungete la scorza di limone e lavorate il tutto ancora un poco.
Rivestite una teglia di 23 cm con carta-forno, depositatevi il composto spianandolo con una spatola o un cucchiaio e infornate a 180°C con ventola, per circa 35-40 minuti (quando inizia a colorarsi lievissimamente la superficie, il dolce è cotto).
Nel frattempo, mettete su fuoco basso il succo di limone e scioglietevi dentro lo zucchero a velo a poco a poco, mescolando, mentre il liquido è ancora tiepido e non bollente. Quando lo zucchero è completamente sciolto senza più grumi, lo sciroppo è pronto. Bucherellate tutta la superficie della torta con uno stuzzicadenti o una forchetta, e, mentre è ancora calda, versatevi sopra lo sciroppo, dopodichè lasciatela nella teglia a raffreddare e sformatela solo quando è ormai fredda, lasciandola comunque nella carta-forno per non romperla.




mercoledì 8 giugno 2011

Zuppa di verdure, mandorle e Philadelphia, ai profumi di Provenza


L'essenza della mia cucina è COCCOLAR(SI) CON VELOCITA' & ASSENZA DI STRESS :-)
Quindi, in perfetta coerenza con quanto detto, eccovi qui una zuppa velocissima, bella (!) e, udite-udite, pure dietetica...! :-))

Ingredienti (per una persona):
1 carota
1 zucchina
1 cipollotto, solo parte bianca
erbe di Provenza secche, in barattolino (Ducros)
pepe nero
sale 1/2 cucchiaino scarso
30 g di Philadelphia
1 pezzetto di formaggio Grana, ridotto ulteriormente a pezzettini
mandorle tostate e salate, una manciatina (le trovate già pronte, sono quelle da aperitivo!)
acqua, circa 400 ml abbondanti
pane casereccio per servire

Esecuzione:
Mettere a scaldare l'acqua con le verdure aggiunte a freddo (tagliate a pezzetti grossolani), le erbette, il Grana, sale e pepe. Portare a ebollizione e cuocere per 30 minuti. All'ultimo, aggiungere il Philadelphia e farlo sciogliere; quindi, le mandorle.
Servire, se piace, con crostini di pane casereccio.